Una notte in Italia - Festival di cinema Italiano
L'ISOLA DI TAVOLARA


L'isola di Tavolara è una tappa di assoluto obbligo, non solo per il cinema, da raggiungere di giorno con i barconi da trasporto che partono da Porto San Paolo (16 Km a sud di Olbia) ogni mezz'ora. Tavolara è una vera montagna calcarea piantata nel Mar Tirreno.

Alta 560 m, è lunga quattro km e larga meno di uno, e ciò dà l'idea dell'impervia giacitura delle rocce e della loro assoluta verticalità; zona militare nell'intero settore orientale, é invece facilmente accessibile nell'ampia lingua di terra che le correnti marine hanno accumulato sul lato ovest, rivolto verso la Sardegna, detto Spalmatore di Terra, dove si trovano ampie spiagge, un minuscolo porticciolo, alcune casette e ristorantini tipici; l'ascesa alla cresta impervia non è consigliabile senza la carta 1:25.000 o senza un accompagnatore, e in ogni caso richiede quasi doti alpinistiche per la pericolosità dell'ultimo tratto e il permesso dei proprietari dell'isola.

Altra stupenda isola del territorio olbiense è Molara, di natura granitica e dunque molto diversa da Tavolara; intanto è più verdeggiante e meno scoscesa, e poi ha forma rotondeggiante e facilità d'accesso da varie calette, alcune delle quali sabbiose altre ciottolose. Si sbarca nella Cala Spagnola a nord, di fronte a Tavolara, o nella Cala di Chiesa ad est, dove si osservano i resti di un paese medioevale, Gurguray, ormai nascosti dalla vegetazione (formata soprattutto da olivastri, qui come nelle altre scarse oasi forestali dell'isola) con relativa chiesetta di S. Ponziano, priva del tetto e della facciata, ma integra nell'abside e nei fianchi.

Merita un cenno la fauna della zona, ricca soprattutto nella gamma degli uccelli marini: gabbiani (reali e corsi), cormorani, berte minori, uccelli delle tempeste; fra i rapaci, il falco pellegrino e il falco della regina, la poiana e il gheppio; fra i mammiferi, la famosa capra selvatica di Tavolara e forse ancora la foca monaca, che un tempo si riproduceva e si mostrava spesso nella grotta del Papa, ampio anfratto della costa orientale di Tavolara.


Torna alla homepage